da il manifesto, 3.1.2017